Do you want to view the website in English? X

PRENOTA ORA

X
Ospiti camera #2
Ospiti camera #3
Ospiti camera #4
Hotel Carlton on the Grand Canal
Hotel Carlton on the Grand Canal
CHC SHOPSCOPRI L'UNIVERSO CHCCHC SHOP
La Cucina Tradizionale Veneziana

La Cucina Tradizionale Veneziana

“Grillo, sentì, fio mio, tolè la sporteletta,
Voggio che andè da bravo a farme una spesetta.
In pescaria ghe xè del pesce in quantità;
M’ha dito siora Catte, che i lo dà a bon marcà.
Un poche de sardele vorria mandar a tor,
Per cusinarle subito, e metterle in saor”

Carlo Goldoni – Le Donne di Casa Soa ( 1755 )

La cucina tradizionale veneziana è semplice e complessa allo stesso tempo: semplice perché semplici sono gli ingredienti, i metodi di preparazione e i tempi di cottura; complessa perché è il frutto di millenari intrecci che Venezia ha saputo creare, con grande armonia, tra i tanti popoli, le tante culture e i tanti sapori che arrivavano in laguna.

Venezia era il crocevia tra l’Oriente e l’Occidente e questo ha comportato l’utilizzo nella sua cucina di molti prodotti di origine orientale, come le spezie: zenzero, cannella, noce moscata, cardamomo, zucchero e anche di riso.

Il sovrano assoluto della tradizione culinaria veneziana è sempre stato il pesce, sia per la posizione strategica della città, sia perché per il suo acquisto non si pagava alcun dazio e il traffico era libero per tutti i cittadini. Oltre al pesce crudo, in tutta la città veniva venduto a poco prezzo anche del pesce già cotto. Anche il pesce salato e essiccato era franco di dazio ed è per questo che ancora oggi il baccalà è perno fondamentale di molti piatti.

Il “saor” è una ricetta antica, che risale al Trecento, una ricetta così veneziana che lo stesso Goldoni lo cita nelle sue commedie. Veneziana perché le cipolle sono quelle che crescono nell’isola di Sant’Erasmo, l’orto della Laguna di Venezia.  Veneziana perché ci sono l’uvetta, i pinoli e le spezie, che evidenziano i forti legami che la città aveva con il mondo orientale. Un piatto che racconta la storia dei marinai della Serenissima che passavano molti mesi in mare e che avevano perciò bisogno di conservare a lungo il cibo.

Speriamo di avervi incuriositi e che vogliate affrontare insieme a noi un viaggio nel gusto per conoscere l’infinita ricchezza di sapori e di profumi che vi aiuteranno a ricordare i luoghi, la gente e la cultura di questa incredibile città.

Con questo proposito, il nostro chef ha sapientemente rivisitato i cardini della cultura gastronomica veneziana, proponendo un Menù della Tradizione che eleva queste ricette “povere” agli onori di una cucina di classe.

Venite a trovarci al Ristorante La Cupola.